Pinacoteca di Brera-

Sito della Pinacoteca di Brera-Brera mai vista n. 21




[ Torna su ]

Brera mai vista n. 21

Kupezky

L’Autoritratto di Johann Kupezky: un dono del numismatico Gaetano Cattaneo per il Gabinetto de’ ritratti de’ pittori della Pinacoteca di Brera
7 giugno - 10 settembre 2007


Opere esposte:
Johann Kupezky Autoritratto
Milano, Pinacoteca di Brera
Olio su tela, cm. 44 x 36, circa 1706-1707


Johann Kupezky Autoritratto
Firenze, Galleria Nazionale degli Uffizi
Olio su tela, cm. 113 x 93


Un alone di mistero circonda la figura di Johann Kupezky, artista boemo, nato a Pézinok, piccolo paese non lontano da Bratislava nel 1666 e morto a Norimberga nel 1740 e al cui Autoritratto è dedicata la 21° edizione di Brera mai vista (catalogo- dossier a cura di Sandra Sicoli). Al 1706 - 1707, è datato dalla critica l’Autoritratto della Pinacoteca di Brera, l’unica opera dell’artista conservata in collezioni pubbliche italiane insieme con l’altro Autoritratto oggi agli Uffizi, gentilmente concesso in prestito in occasione di questa esposizione dalla Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino; nell’opera oggi a Firenze eseguita probabilmente durante il suo soggiorno a Frascati, sono evidenziati gli interessi dell’artista: la sua professione di pittore, rilevata dalla presenza del ritratto di un gentiluomo, probabilmente suo ignoto committente, e il suo amore per la musica (Kupezky fu musico dilettante) ricordato dal foglio di musica e dal violino, mentre il tappeto ripiegato sembra rimandare ai lavori romani di Fioravanti e Francesco Maltese. L’autoritratto di Johann Kupezky di Brera entrò a far parte delle collezioni della Pinacoteca nel secondo decennio dell’Ottocento, grazie a Gaetano Cattaneo, conservatore dell’ I.R. Gabinetto Numismatico di Milano, che lo acquistò per accrescere la raccolta di ritratti di pittori intrapresa a Brera dall’allora direttore Giuseppe Bossi.


Kupezky2

[ Torna su ]