Pinacoteca di Brera-

Sito della Pinacoteca di Brera-Brera mai vista n. 20




[ Torna su ]

Brera mai vista n. 20

s.gerolamo penitente

Giovanni Contarini. Un pittore aristocratico sulle orme di Tiziano


29 marzo - 18 novembre 2007, sala IX


Opera esposta:
Giovanni Contarini
San Girolamo penitente
Olio su tela, cm 208x130
Reg. Cron. 124
Dalla chiesa di San Girolamo a Serravalle (Treviso)





La ventesima edizione di Brera mai vista presenta al pubblico della Pinacoteca il San Gerolamo penitente di Giovanni Contarini (Venezia, 1549 - ante 1604), appena restaurato da Barbara Ferriani.

Nato in una famiglia agiata e dedicatosi agli studi letterari, divenendo notaio, il Contarini, sedotto dall'arte di Tiziano, scelse la pittura per vocazione.
Tardomanierista non indistinto, produsse ritratti, racconti biblici e favole mitologiche, che gli valsero notevole popolarità, tanto da essere accolto come pittore alla corte di Rodolfo II a Praga e dell'Arciduca Ferdinando II a Innsbruck; nominato cavaliere, tornò a Venezia prima della metà degli anni novanta del Cinquecento; dipinse molti quadri da cavalletto (quasi del tutto perduti) per amici intellettuali e ricchi mercanti ed esibì il suo stile dai colori preziosi su grandi pale per chiese della città e su teleri celebrativi in palazzo Ducale.

Nel San Gerolamo penitente della Pinacoteca di Brera il Contarini ottiene effetti di grande naturalezza, grazie all'impiego di una luce morbida, che percorre il corpo del vecchio in preghiera, indugia sul bel ritratto, penetra con toni profondi la veste e trascorre in un cielo tormentato, tutto tizianesco.






[ Torna su ]